mi sento persa

4 Novembre 2007 Commenti chiusi
sono mesi ormai che non ho più tempo per me,stasera,dopo vari tentativi,sono riuscita a trovare il mio blog:avevo dimenticato tutto...non ricordavo il mio nome la passsword,non sapevo più da dove ricominciare nè so se ora riuscirò a scrivere qualcosa.E' forte il desiderio di riprendere ,di riappropriarmi della mia vita,e il blog mi fa sentire un pò più vicina ai miei desideri ai miei sogni,mi aiuta a capire ciò che voglio ciò che mi manca e anche fin dove arrivare.Mi aiuta a riflettere mi dà una mano concreta a pensare a me visto che sono "preda" di molti.Poi ho nostalgia dei miei amici più cari e di quelli che  avevo cominciato a conoscere e anche di quelli che avevo letto solo una volta,mi sentivo in  una vera famiglia  per la sensibilità e l'intelligenza che mi girava intorno.Spero di ritrovavi tutti.     a Te Sergio un abbraccio particolare.

"frammenti di un discorso amoroso"

1 Giugno 2007 7 commenti

lui:”non ho usato parole per dire il disagio,nè per dare ragione di quei giorni,avviluppato dalla rete del tempo e dai disguidi.Volevo abbracciarti dietro la tenda sul balcone mentre ascoltavamo il mare,invece dormivo dietro il molo,mozzo,mio malgrado.”
lei:”qualche volta è doloroso leggere i silenzi,….si può farlo quando un oceano di parole e di attimi intensi,raccontano un amore magico e irrinunciabile”

ieri in ospedale

1 Giugno 2007 Commenti chiusi

Sulla collina
il vento di nordovest
inargenta gli ulivi
e i faggi lungo il fiume.
Le rondini
tacciono sotto la grondaia,
una farfalla distratta
fugge al suo riparo,
l’aria è gonfia
di tempesta,
laggiù grida
un mare di fango..
i volti hanno il pallore
della morte..

all’improvviso
un profumo di fragole
e gelsomini,
colora
i miei pensieri.

mi sento sospesa…

1 Giugno 2007 2 commenti

è quasi un mese che mi sento fuori casa,dal blog e anche da me stessa,il che è la stessa cosa per certi aspetti…ho perduto l’abitudine serale di raccontarmi sul blog per una serie di motivi molto complicati e diversi,da allora ,anche per avvenimenti personali e familiari, mi è stato difficile conservare questo spazio per me.Insomma mi sento come spaesata,sospesa,senza più un riferimento,perchè per me il blog era un punto fermo,un amico e poi tanti amici con cui condividere i pensieri le considerazioni,i sogni, insomma un pò me stessa.é’ difficile riprendere,non so se ho ancora amici,se quelli di una volta mi hanno dimenticato…vorrei essere sicura che ci siete,mi siete mancati.So anche che se non mi farò sentire,voi non vi farete avanti e allora mi metto in azione…vi prego fatemi sentire la vostra presenza.Un abbraccio.-

"SVEGLIATEVI PER FAVORE"

5 Maggio 2007 6 commenti

“NESSUNO HA IL DIRITTO DI DERUBARCI DELLE NOSTRE IDEE E DEI NOSTRI PENSIERI”
Riferimenti: "SVEGLITEVI PER FAVORE"

Ciò che scriviamo, ci appartiene?

4 Maggio 2007 4 commenti

Fino all’altro ieri credevo di aver trovato in questo blog,la mia libertà,il mio respiro,il mio rifugio dal mondo frastornato e disattento,nuovi amici, ai quali la sera ricorrevo con gioia per ascoltare o comunicare ,per incontrare un mondo libero e sincero….poi scopro che tutto ciò che pubblico diventa “proprietà” di Tiscali: mi sento persa e tradita,non so che fare,non scrivo e non apro il blog per un giorno intero,come se mi sentissi spiata.Vorrei capire bene questa cosa…mi rivolgo a tutti voi poster ma soprattutto ai responsabili della Tiscali a quelli che controllono e leggono i nostri post e li evidenziano e li consigliano,Vi importuno molto?Spero di no e di essere stata chiara.Aspetto che qualcuno si faccia avanti e me lo dica chiaramente:CIO’ CHE SCRIVIAMO E’ DI NOSTRA PROPRITA’?Almeno saprò cosa mi converrà pubblicare….ma non mi sentirò più libera…
Riferimenti: ciò che scriviamo,ci appartine?

Sardegna:paesaggi dell’anima.N.4

29 Aprile 2007 6 commenti

—Capo Teulada
Prima del tramonto
isola Rossa sbadiglia
nella baia argentata,
Capo Teulada affiora
tra la foschia immobile
e intorpidita.

Antichi guerrieri e cavalieri erranti,
dalle torri costiere,
guardano pietrificati
le cale di smeraldo e di zaffiro
sognando fanciulle scalze
sulle dune ventose
o sui roventi graniti.

Io sull’asfalto liquefatto di luglio,
inebriata
di mirto e ginepro,
inseguo
il mio sogno lontano,
il mio amore perduto,
il mio “cavaliere inesistente”.

.

Riferimenti: Sardegna:paesaggi dell’anima.N.4

Sardegna:paesaggi dell’anima N.3

28 Aprile 2007 1 commento

—Geremeas
I sassi roventi e levigati
della cala di Geremeas
sono le tue mani
calde
che cerco da sempre.
Dove sei uomo della mia vita?
Signore amante della mia Terra,
Sogno lieve e appassionato
della mia adolescenza,
Compagno forte e gentile
Amico della mia solitudine?

Tu mi appartieni più
della mia stessa Morte.

Riferimenti: Sardegna:paesaggi dellìanima.N.3

Sardegna:paesaggi dell’anima N.2

26 Aprile 2007 2 commenti

—Calamosca
Mi ubriaco del mio pianto
distesa al tramonto
sulle rocce ventose
della cala
mentre il fresco rumore
del mare
canta
tutto il dolore del mondo.
A chi mai potrò dire; Amore mio?

Il vecchi faro
è spento,
la luna si tinge
di viola.
Riferimenti: Sardegna:paesaggi dell’anima N.2

Sardegna:paesaggi dell’anima N.1

26 Aprile 2007 4 commenti

—-Carloforte
Queste rocce di vento
rinnovano pensieri
d’amore,
merletti di nera trachite,
coronano antiche
cattedrali gotiche
che il vento dei secoli
ha scolpito
come preziosi fondali
alle cale
di smeraldo
e di vinagra.

Improvvisamente le rosse boe
della tonnara di isola Piana
risvegliano
i sensi addormentati,
mi riportano
il tuo volto
il tuo ultimo
caldo abbraccio.

Riferimenti: Sardegna:paesaggi dell’anima.N.1